Nozze tragiche

020

1

Nozze tragiche

Azione cinedrammatica, in 7 quadri, di grande interesse.

CIN 1907-01

2

1 Cines 20   
2 Gaston Velle, Filoteo Alberini Fernanda Negri-Pouget
3 ≥ 05/1906-≤ 09/1906 250 m
4 ItalieRome
 

3

09/190  ItalieMilan La Lettura Nozze tragiche
 

TRA LE QUINTE DEL CINEMATOGRAFO
[...] una bella figliuola dell’Agro Romano, sedotta dal padrone. In assenza del padre l’ingenua villanella permette al signore di entrare nel tugurio; il vecchio ritorna improvvisamente, e il padrone se la svigna da una finestra. Ma nella fretta egli ha lasciato un indizio d’accusa, il suo carniere da cacciatore. Il vecchio maledice e scaccia l’imprudente figliuola, che ripara a Roma, dove il signore, giovine e ricco mercante di campagna, largheggia con lei in tutte le soddisfazioni della vanità e del lusso. Intanto è nata una bambina. Sarebbero felici, ma il signore deve prender moglie. Per liberarsi di lei, le offre un fascio di biglietti di banca, naturalmente rifiutati con quel nobile disprezzo che a teatro piace tanto alle persone più avide e meno scrupolose. Sopraggiungono i guai : la soffitta, la penuria, la malattia mortale della bambina. Il pensiero della derelitta vola angosciato all’infedele, che si apparecchia alle nozze. Una proiezione sulla parete di fondo della soffitta precisa questo pensiero in un salottino elegante, dove il traditore fa la corte alla ricca fidanzata. La bambina muore, e il coltello della tradita, che colpisce il seduttore mentre esce dalla chiesa dando il braccio alla sposa, giustifica il titolo di Nozze tragiche imposto alla composizione.
Mentre i quadri si succedevano, una brava donnetta popolana spiegava al marito le varie parti e le ragioni del dramma, dandogli anche notizie che rivelavano l’assidua frequentatrice di cinematografi.
— Guarda la sposa, — gli aveva detto alla scena della firma dei capitoli, — è quella che l’altra sera faceva Pierrot.
Alla fine, dopo la pugnalata, riassunse il suo giudizio in un’esclamazione sincera:
— Poveretta ! E che doveva fare con un assassino come quello lì?
Per lei l’assassino era l’assassinato. La sua pietà per la tradita era inesorabile per l’ucciso.


Giustani L. Ferri, La Lettura, Anno VI, nº 9, Milano, Settembre 1906, p. 795-796.

4

020 01 020 02
020 03 020 04
Gaston Velle, Nozze tragiche, photographies de plateau 1906 [D.R.]

 

Afin d'optimiser votre expérience sur ce site, nous utilisons des cookies. Ils visent essentiellement à réaliser des statistiques de visites. En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies.